Berlino-La Natura all’angolo

Ad Ottobre scorso, dopo più di dieci anni sono stato per la seconda volta nella città di Berlino. Sono stato invitato per partecipare alla mia prima collettiva fotografica fuori dall'italia. E' stato emozionante e fondamentale; é una città che ti mostra le avanguardie e le possibilità, in continuo fare e fluttuare, dando modo e maniera per confrontarsi e relazionarsi, con gli artisti e con i suoi spazi.

Un amica a me molto cara, nonché artista in primis, mi ha fatto notare mentre attraversavamo la città con il suo furgone-laboratorio il cambiamento avvenuto nel corso degli anni riguardante gli "spazi" berlinesi; é in continua espansione e costruzione di nuove strutture all'avanguardia e "nuovi condomini" data la richiesta sempre crescente da parte di cittadini non solo tedeschi, nel venire a vivere nella grande capitale culturale europea, con il suo mercato immobiliare sempre in salita. Con ciò però, come ho sentito dire da alcuni autoctoni, stanno limitando e cancellando quei grandi spazi, tra incroci e parchi (risultato della storia passata e dei confini abbattuti), che per anni hanno caratterizzato la mappatura e l'identità della città stessa. I cittadini hanno voglia di larghe vedute, non in senso metaforico, di questi grandi spazi che fino a poco tempo fà costituivano la sua giusta visione prospettica, una "boccata d'aria" necessaria tra i grandi palazzi e i suoi duri inverni freddi. A me é venuta la curiosità di interpretare in senso artistico i loro bisogno, immedesimandomi e passeggiando nei loro "spazi perduti".

 

 

 

Written by alessiocastagna

No Comments

Questo sito utilizza i cookie per migliorare i nostri servizi. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all accettazione dei cookie e della nostra privacy policy Più informazioni | Accetto